Blog CoachingNow - coachingnow.it

Vai ai contenuti

Autenticità e Ambiente di Lavoro: binomio impossibile o Sfida da Vincere?

coachingnow.it
Pubblicato da Eleonora Pizzutti in Coaching · 9 Maggio 2020
Tags: Coaching
Quando si parla di cultura del posto di lavoro, che si tratti della grande multinazionale, della piccola azienda di tradizione familiare o anche di uno studio professionale, l’idea e la possibilità di poter portare a lavoro il nostro “sé autentico” vengono vissute come una sfida ricorrente, legata alle cose pratiche che le aziende possono fare per facilitare un luogo di lavoro che incoraggi l’autenticità di chi ci lavora e quindi un ambiente inclusivo.

E’ fondamentale partire dalla FIDUCIA, che è il principale indicatore di un clima lavorativo sano, di un team di lavoro che sarà motivato e quindi di relazioni basate su uno scambio costruttivo, sull’ascolto e sulla serenità, con l’effetto di accelerare il raggiungimento degli obiettivi professionali del singolo e del gruppo.

In quest’ottica, diventa essenziale facilitare una cultura aziendale in cui il collega sappia che è libero di portare sé stesso a lavoro e condividere la sua unicità con gli altri, rispondendo con serenità e fiducia a domande quali: posso fidarmi di te? Se racconto qualcosa di me, come verrà utilizzato? Cosa farai di quelle informazioni che decido di condividere? In sostanza, il collega o collaboratore, nella relazione che ha con te che sei il suo collega, team leader o manager, deve sapere che farai qualcosa di positivo con le informazioni che condivide a lavoro.

Inclusione e rispetto dell’autenticità di ciascuno significano sentirsi liberi di poter raccontare di sé a lavoro, della propria vita, famiglia e anche mostrare la propria vulnerabilità, sapendo che ci verrà restituita empatia e rassicurazione, perchè abbiamo visto nel collega o nel capo una persona che ci ha saputo ascoltare e valorizzare.

Attenzione: autenticità a lavoro non significa certo essere eccessivamente diretti o dire tutto quello che ci passa per la testa. Essa arriva da una posizione di gentilezza, di curiosità dell’altro, di rispetto e dal voler semplicemente essere una persona migliore per le altre persone.

Ecco che allora, intesa in questo senso, l’autenticità a lavoro diventa un diritto ed una responsabilità dell’azienda, ma anche di ogni persona che lavora nell’organizzazione, un impegno comune, costante, giornaliero.

E’ un gioco in cui non si perde mai e dove c’è solo da vincere: vince il singolo individuo, guadagnandone in serenità e felicità, vince l’azienda guadagnandone in produttività e risultati economici.

E tu, cosa pensi del binomio autenticità-ambiente di lavoro?


Torna ai contenuti