"Benvenuti nel Mondo Vero"...La Sindrome dell'Impostore

Vai ai contenuti

"Benvenuti nel Mondo Vero"...La Sindrome dell'Impostore

coachingnow.it
Pubblicato da Eleonora Pizzutti in Coaching · 27 Novembre 2020
Tags: performanceleadershiplavoromanagercoachingfinzionerealtàconivnzionipaure
Paura interiorizzata di essere smascherati come una frode o un falso.
Paura di essere scoperto, perchè non ne sai abbastanza.
Paura di non essere abbastanza bravi.

Queste sono le sensazioni principali che descrivono la “Sindrome dell’Impostore” e, se state pensando che a voi non è mai capitato di sentirvi così, beh provate a rifletterci bene perché, in base alla ricerche condotte sul tema, è emerso che il 70% delle persone ha sperimentato una qualche versione della sindrome dell’impostore in qualche momento della sua vita, interessando anche persone che si trovano in posizioni di leadership e magari con una certa seniority.
C’è una via d’uscita? Si e consiste nel separare i fatti dalla finzione. Semplice vero?

E qui mi è balzato all’occhio il parallelismo con il famoso film “The Matrix”: Neo, il protagonista vuole scoprire la verità su Matrix, mondo virtuale elaborato al computer e creato per tenere sotto controllo le persone. Nel caso della sindrome dell’impostore è il mondo che decidi di porre tu stesso davanti ai tuoi occhi, rielaborando come un computer la tua immagine, distorcendola e finendo per cadere nella tentazione di pensare a te stesso come ad un falso, appunto come ad un impostore. Probabilmente stai drammatizzando la situazione: quando pensi “non sono abbastanza bravo” stai mandando i tuoi pensieri in sovraccarico e non riesci più a vedere l’evidenza della realtà, del tuo successo, dei risultati raggiunti, l’opportunità di un nuovo apprendimento o anche di una nuova esperienza.

Morpheus, il Mentore di Neo, nel film chiede al protagonista “Che vuol dire Reale? Dammi una definizione di Reale”. E io aggiungo anche questa domanda: come distinguere la Realtà, i Fatti Veri, dalla Matrix di cui ci circondiamo ogni volta che ci ripetiamo che non siamo abbastanza bravi o che non ne sappiamo abbastanza?

Perchè, l’unica cosa a cui pensiamo in quei momenti è panico! “Non sono in grado”. Non distinguiamo più il nostro “codice sorgente” cioè i fatti veri e rimane solo la matrix, la fiction, cioè i pensieri che ci limitano e ci fanno sentire come degli impostori.

Vi racconto un mio episodio personale: la prima volta che mi sono trovata a fare formazione in aula ad un gruppo di persone, prima di iniziare mi sono bloccata e ho pensato “chi sono io per andare di fronte a tutte queste persone e condividere con loro quello che so? Sicuramente ci sono persone che ne sanno più di me, anche tra quelle stesse persone che oggi partecipano alla formazione”. Velocemente la fiction, stava avvolgendo la mia mente, bloccandomi.

E quello che ho pensato subito dopo per uscire da questa impasse è stato che, se avessi continuato a pensare così, questo mio modo di vedere la situazione, avrebbe finito per impattare il livello della mia performance, il livello del materiale che avrei condiviso, la qualità del mio stesso lavoro. Quindi dovevo semplicemente rimuovere questo pensiero, questa convinzione che mi stava limitando in quel momento e fare quello che dovevo fare, senza pretendere di sapere tutto e di essere la massima esperta in quel momento del tema di cui avrei parlato, perchè non lo sono. E questo è un fatto vero!

Ebbene, questo è un esempio di cosa vuol dire separare nella nostra mente i pensieri utili ed efficaci da quelli inutili: anzichè concentrare l’attenzione su di me, l’ho concentrata sulle persone dell’aula, sul Perchè ero lì e sui contenuti che andavo ad offrire, su quello che sapevo e sul rispondere alle loro domande, basandomi sulle mie conoscenze ed esperienza personale.

In sostanza ho separato i fatti dalla finzione ed era l’unica cosa che in quel momento potevo fare per uscire dalla mia Matrix, dalla mia sindrome dell’impostore.

Morpheus nel film dice a Neo “Nessuno di noi è in grado purtroppo di descrivere Matrix agli altri…dovrai scoprire con i tuoi occhi che cos’è“, perchè ognuno di noi ha la sua personale visione e versione di questa sindrome, dei pensieri che ci limitano ed ognuno di noi deve guardarla in faccia con i propri occhi.

Ma una cosa è certa, quando deciderete di affrontare con onestà e consapevolezza le vostre paure, riconoscere i fatti reali e far crollare la finzione, diventerete come Neo alla fine del film, quando sarà in grado di controllare e fermare anche le velocissime e mortali pallottole dell’agente Smith!


Torna ai contenuti